IL FANTASMA DI PATRINELAS

< Indietro


 

Al castello di Patrasso, all parete sud esterna vi è anche ora costruita una statua antica di marmo. La statua è composta da due parti separate, la testa rappresenta un uomo con la barba, probabilmente Giove o Patrea, e il corpo è un corpo maschile di un'altra statua.

Nella tradizione popolare, la statua rappresenta un fantasma che trascina le sue catene sulle strade asfaltata del castello.

Il patrinos scrittore Logaras ha corrisposto la statua con un fatto reale degli anni '60, e Theodoros Terzopoulos l’ha messo in scena con il titolo "L'ultima maschera; Fallimento » il 2006 quando Patrasso era la capitale culturale d'Europa.


“Il fantasma del castello viene dalla sua caverna la notte e vaga nel silenzio. Chi ha visto il fantasma, giura (soldati di guardia, o detenuti che scontano pene lunghe che rimangono svegli alle loro prigioni senza sole al castello) che il fantasma viene a mezzanotte o piu tardi con il cielo senza stelle, che non è qualcosa di strano, ma è una ragazze bellissima, che gira intorno al castello e poi sale sui merli e sta lì in piedi sicome qualcosa sta ascoltando”

 

Spyros Vourgaris

Theo Terzopoulos descrive: "Torniamo nei primi anni '60. Una bellissima ragazza da Souli, con una faccia che fa ricordare Brigitte Bardot, e tale follia che se avesse vissuto al tempo di Zalongo sarebbero caduta dalla roccia, si e’ inamorata di un Patrino scultore, sposato con figli. Hanno passano un po di tempo insieme. Improvvisamente gli affari di Patrinos iniziarono a non andare molto bene, così ha deciso di far prostituire la fidanzata. Si e’ approfittato di lei regolarmente e arriva fino a mettere un bordello. E tutto questo in piena conoscenza della famiglia connivente con la situazione, sicome i soldi cominciano a fluire di nuovo... Si parla di corruzione perfetta….Ad un certo putno, lei inizia a protestare. Lui la rifiuta, la tratta male, la pestaggia e la abbandona. E così è arrivato il momento della vendetta. L'amante va alla scuola che frequentava la piccola figlia di Patrinos, e Le ha dettto di andare a fare una passeggiata visto che la piccola la conosceva come "zia". Le ha offerto delle caramelle, e si sono diritte al boschetto della Città Alta, e lì l’ ha stangolata. La giovane assassina viene arrestata, processata e imprigionata. E mentre la città e’ in stato di agitazione a causa dell’ omicidio, inizia il Carnevale. Alcuni quindi fanno una effigie lignea della ragazza e la fanno bruciare al posto del re Carnevalos l'ultimo giorno di carnevale. La fanno bruciare mentre lei sta muorendo in carcere. Da allora si dice che il suo fantasma gira alla città, lanciando maledizioni contro gli abitanti di Patrasso e in cerca di vendetta".

Tariffe di affitto